La raccolta della storia clinica è un componente fondamentale per poter capire cosa accade ad un paziente, per poter fare una diagnosi.
Però raccogliere la storia di un paziente non è facile.
Non lo è perché i paziente spessissimo sono confusionari, ricordano male, divagano, perdono il punto di quello che ti stanno raccontando. Questo si verifica perché in generale si sente la pressione a fare in fretta, ma sopratutto quando si è sofferenti da tempo, o in modo molto acuto è proprio difficile organizzare il pensiero.

Dall’altra parte i medici hanno la loro buona reputazione di non ascoltare, di essere sbrigativi nella raccolta della storia clinica.

Ad ogni modo l’effetto netto è che si rischia di non capire.

Per ovviare a questa situazione, chiedo a tutti i miei pazienti che prendono un appuntamento di prima visita di compilare un modulo dal proprio pc o smartphone molto dettagliato in modo che possono prendersi il tempo di organizzare i pensieri e rispondere con calma a tutte le domande.

Come insegnavano all’università: “la diagnosi te la racconta in paziente se sai fargliela dire.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.