La Sanità: Esercizi Di Ordine. Parte 7.

In Concomitanza con www.arcipelagoscec.net

Un’ altra osservazione che, a mio avviso, merita attenzione è la seguente:

l’assistenza medica è una questione principalmente di trasferimento di informazioni, che si tratta di un dente cariato o di un tumore, assistere un paziente significa raccogliere una serie di informazioni da lui, interpretargliele e trasferirgli una decodifica di ciò che lui racconta.

E nel mezzo di questa operazione fare un intervento terapeutico, o nemmeno quello.

Come nella vita anche in medicina tutto ciò che si riceve passivamente non dura nel lungo periodo; al contrario ciò che viene modificato attivamente diventa in qualche modo patrimonio personale.

Uscire da uno studio medico senza informazioni è come pagare un jeans uscire dal negozio e lasciarlo alla cassa.

Se non altro, a cosa servono le centinaia di riviste scientifiche che sono pubblicate ogni settimana?

A generare informazioni! Nel momento in cui il flusso di informazioni non arriva al paziente la qualità dell’assistenza finisce “ultima in classifica”, indipendentemente da quanto sia efficiente l’azienda/ospedale. É ovvio che l’informazione scientifica fa “tradotta”, sia per il pubblico che, spessissimo, anche per il medico (in genere di base). Spero di riuscire a mostrare la distorsione che vedo io: non bisogna essere troppo ingenui perché il controllo delle informazioni non avviene solo per la stampa e i telegiornali generalisti, ma anche per la medicina e le discipline scientifiche. Ciò significa che la divulgazione di massa delle informazioni utili, mediche e di prevenzione andrebbe fatta da chi paga le prestazioni (ASL pubblica) e non da chi le vende (azienda farmaceutica o altro).

Altrimenti c’è un conflitto di intenti inestricabile. Questa è solo un’idea, ma se a pubblicizzare un rimedio medico è chi lo vende, mentre chi lo paga è terzo rispetto a chi l’acquista, la cosa non può funzionare. In termini di salute pubblica sarebbe di buon senso e utile se fosse l’ASL o un consiglio regionale a promuovere  le informazioni e i rimedi più utile e sopratutto che prevengano certe malattie così da risparmiare sul lungo periodo.

Continua…

P.S. Aiutatemi a promuovere il carpool

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...