NF213 – Convergenza Oculare. Parte 2

Se un oggetto si avvicina ad un soggetto la situazione è analoga a quella  inversa in cui è il soggetto che si avvicina all’oggetto. Tenere a fuoco un oggetto mentre gli si va incontro aggiunge una componente molto importante che è l’accelerazione lineare. I movimenti del corpo nello spazio sono registrati dal sistema vestibolare, di cui parleremo, e nel nostro caso è coinvolta una struttura che si chiama utricolo. Ne parleremo in futuro, tuttavia questo accenno ci serve a definire meglio uno scenario.

La convergenza oculare non è una funzione che viene usata occasionalmente quando si scherza tra amici e si fanno gli occhi storti, ma è una strategia importante nella nostra interazione dinamica con l’ambiente circostante. Infatti è legata al nostro muoverci nello spazio in un ambiente gravitazionale dove il corpo è costantemente spinto verso il centro della terra e si muove e interagisce adeguandosi costantemente alla forza di gravità.

Gli occhi convergono per tenere a fuoco un oggetto che si avvicina; più si avvicina l’oggetto più le pupille si costringono. Se questo non avviene la messa a fuoco non è possibile. Se la risposta pupillare, e di convergenza oculare, durante l’accelerazione  lineare non ci fosse la vita quotidiana sarebbe da molto difficile a impossibile.

Continua…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...