NF120- La Formazione Reticolare

Il tronco encefalico si trova nel cranio; è la continuazione del midollo spinale e poi dal tronco encefalico stesso si espande il cervello e il cervelletto. In tutto il tronco encefalico è presente una rete di neuroni tridimensionale che viene chiamata infatti Formazione Reticolare. È una rete di neuroni che collega tutti i fili che passano di lì, cioè tutto ciò che il cervello e il cervelletto si dicono tra loro e tutto ciò che la periferia e il cervello si dicono tra loro passa per il tronco encefalico ed è controllato in qualche modo dalla Formazione Reticolare. Io tendo ad immaginarmela come una sorta di controllo di qualità di tutta la baracca. Il controllo di qualità cui è assegnata la Formazione Reticolare è principalmente quello autonomico.

Quando attraverso il tronco encefalico passano i comandi per un movimento, bisogna che il sistema nervoso autonomo smisti il sangue ai muscoli preposti. Simpatico e Parasimpatico si coordinano e il calibro dei vasi viene specificamente controllato nel gestire questo flusso. Abbiamo già detto quanto questo automatismo sia indispensabile. La formazione reticolare sta lì a controllare e permettere che tutto ciò funzioni bene.

Attenzione adesso, ci facciamo un giro su una montagna russa della logica:

Per smistare il sangue in modo preciso e specifico bisogna sapere con estrema precisione dove si trova il corpo nello spazio.

Per percepire accuratamente il corpo bisogna avere una corretta e ben sviluppata rappresentazione corticale.

La rappresentazione corticale del corpo prende forma, si sviluppa e si modifica in seguito allo sviluppo della rappresentazione dello spazio che è una griglia sia visiva che sonora.

Lo sviluppo della griglia di rappresentazione dello spazio (localizzata nei collicoli mesencefalici) dipende dallo sviluppo dei meccanismi oculari, acustici e vestibolari.

Le centraline che controllano gli occhi e i nuclei acustici e vestibolari sono localizzati proprio nel tronco encefalico che è completamente immerso nella Formazione Reticolare.

L’ultimo passaggio di questo giro consiste nel cercare di visualizzare l’intera armonia e fare proprio il concetto di stretta dipendenza del sistema nervoso autonomo, così come spiegato fino ad ora, con tutti i meccanismi motori e sensoriali che sono alla base delle nostre azioni automatiche quotidiane.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...