Sig.re & Sig.ri: L’Anamnesi

Gli animali si ammalano, ma l’animale uomo viene risucchiato e letteralmente diventa preda della malattia. Come medico a volte mi sono chiesto, a proposito della malattia, per alcuni pazienti in particolare, se “potremmo farne a meno”?. Non sono certo della risposta.

L’anamnesi è la storia che il paziente racconta dei suoi problemi. È una sorta di storia naturale della malattia interpretata dal “proprietario” della condizione. Quando l’anamnesi passa su carta diventa fredda, quasi non c’è soggetto. Spesso non è scritta nemmeno in frasi, ma sbrigative formule verbali: femmina, 40 anni, diabetica scompensata, retinopatia, in soprappeso.
Potrebbe riferirsi ad un cane come ad una persona.

Un medico in media dopo aver chiesto al paziente: “mi dica come posso aiutarla?” Non lo lascia parlare più di 20 sec. ( in media 12 in una statistica americana che lessi tempo fa).

L’obbiettivo è tirar fuori quella formula verbale: maschio , 30 anni, iperteso, con cefalea ricorrente.

L’anamnesi, ci insegnavano all’univeristà, era la raccolta della storia e il momento più importante della visita; la diagnosi spessa la fa il paziente mentre racconta la sua storia. anche un paziente logorroico se lo si lascia parlare 5 minuti ti racconta tutto. L’anamnesi, secondo me, dovrebbe includere le seguenti due domande:

-che risultato sarebbe accettabile per lei?
-sarebbe disposto a collaborare con me?

Oppure qualsiasi altra domanda che introducano nella fotografia chi è il paziente e cosa vuole dal medico…

3 risposte a "Sig.re & Sig.ri: L’Anamnesi"

  1. c’era una puntata del telefilm Scrubs (ambientato in un ospedale privato americano) proprio su questo preciso tema.

    Comunque il medico che si “visita” più spesso è quello di famiglia (della mutua), e per fortuna questi sono in molti casi, o diventano, amici.

  2. Buongiorno, sono una massofisioterapista diplomata 25 anni fa e quando non mi ricordo bene qualcosa vado alla ricerca del termine per fissarlo nuovamente nella memoria. Non mi piace dare risposteavventate e quindi mi documento sempre più a fondo di quello che la mia mente a volte mi da 😉
    Volevo farle i complimenti per come ha sviluppato questo sito e per la chiarezza piacevolissima delle sue spiegazioni ! non è facile da trovare soprattutto tra i medici che da molti anni frequento.
    Grazie davvero, Cristina

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...