Caso Clinico: Paralisi Spastica Da Ipossia Perinatale. 40 Anni Dopo.

Quando si è in presenza di un danno cerebrale tutti abbiamo la convenzionale certezza che sia un danno permanente. Nonostante il nobel alla Rita Levi Montalcini per aver scoperto i fattori crescita neuronali, non è prassi comune “insistere” e bussare a quella porta: toc-toc c’è nessuno? C’è qualcuno che dorme è ha voglia di svegliarsi? Quello che vedete in questo video è la mano di G. un uomo di 40 anni nato con una Ipossia Perinatale che gli ha causato paralisi al lato sinistro e problemi minimi al lato destro.

Quando l’arto superiore è paralizzato si piega e ruota all’interno con il polso piegato. Quindi non può aprire le dita e estendere il polso e soprattutto non è in grado di girare un oggetto con le dita.

Il braccio e la mano sinistra erano tenute come un’appendice inutile.

Quello che vedete in questi due minuti sono i progressi in 7 mesi di riabilitazione neurologica funzionale che ha incluso manipolazioni vertebrali, costali, esercizi oculari, stimolazioni vestibolari, esercizi allo specchio (come si vede in video) allungamenti delle retrazioni muscolo tendinee.

Anche se sono passati 40 anni, il suo cervello si sta riorganizzando, le mappe cerebrali si stanno raffinando e il controllo del braccio e della mano sta tornando. Potrebbe essere il massimo risultato ottenibile. Tuttavia come ha detto G. “il braccio sinistro era come se non lo tenessi ora sono praticamente diventato mancino”.

2 thoughts on “Caso Clinico: Paralisi Spastica Da Ipossia Perinatale. 40 Anni Dopo.

  1. Ciao Luca!

    Innanzitutto gran bel risultato, suo personale ma anche e soprattutto tuo! La soddisfazione di aver aiutato una persona a recuperare l’uso della sua mano mani realmente utilizzata deve essere enorme. 🙂

    Sarebbe bello ed utile conoscere più nel dettaglio che tipo di protocollo hai seguito nel fargli recuperare la funzionalità dell’arto, e che ragioni le sottendono. Si può fare?

    Un abbraccio.

    • Ciao Fabio,
      Il protocollo è spiegato nel post e negli articoli di neurologia funzionale del sito c’è moltissimo del razionale utilizzato.

      La esatta specifica e dettagliata strategia sarebbe lunga e anche inutile perché sarebbe sterile senza il razionale.
      Che tuttavia è spiegato negli articoli.

      Credo che il mio sia il primo esperimento divulgativo di neurologia funzionale in Italia.

      Per ora è il meglio che sono riuscito a fare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...