Chiropratica. Parte 12

Ora una nota di romanticismo.

Per me, il modo di aggiustare di Gonstead era un sogno; una facilità e una ‘pulizia’, le vertebre obbedivano, andavano dove voleva lui. Ho guardato a volte insieme a colleghi studenti, tantissime volte i video dei suoi seminari, cercando poi di replicare la sua ‘performance’.

Zero rotazione della colonna, stabilizzava mettendo le mani in modo che ci sembrava impossibile, si portava in avanti quasi a tenere le vertebre nel grembo come se la spinta venisse direttamente dalla pancia. Piccole ripetute opere d’arte, come una finta di Maradona, o una punizione di Platini.

Fine della nota romantica.

Continua…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...