L’Artrosi Rivisitata. Parte 3

Se ho una ruota “tonda”, posso anticipare e scommettere che rotolerà, se ho una ruota “quadrata”, posso scommettere che non rotolerà.

Prendiamo ad esempio l’articolazione della spalla, proviamo a pensare in modo dinamico.

La spalla ha una enorme ampiezza del movimento in tutte le direzione; provate ad esempio, a cadere maldestramente mentre giocate a palla volo; comincerete ad avere dolore quando vi allacciate il reggiseno (quella parte del movimento è limitata/dolorosa) per cui magari ve lo allacciate davanti e poi lo girate risolvendo il problema.

Con il lento passare del tempo quel movimento (estensione e rotazione interna) poiché non è più eseguito sarà sempre più limitato.

Se passa sufficiente tempo il Sistema Nervoso Centrale cambia il programma motorio per quella spalla e a cascata cambia la qualità dei tessuti, tendini, capsula, legamenti e muscoli interni alla spalla.

A questo punto la modifica del movimento è abbastanza stabile e i carichi e le forze applicate cominciano ad essere meno fisiologiche e tempo 5-10-15 anni avremo la modifica della forma dei capi artrosi della spalla…cominciamo ad avere artrosi manifesta.

Continua…

promuoviamo il carpool con Auto-No-Mia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...